LA SERIE DI RISHIKESH 2. PARTE

LA SERIE DI RISHIKESH RIVISITATO DAL PUNTO DI VISTA DELLO YOGA-RATNA

2. parte

Una delle sequenze più famose del mondo, trasmessa e portata nell’occidente dal celebre Swami Sivananda di Rishikesh.

Continuamo dunque con la Rivisitazione della serie di Rishikesh.

Nella prima parte abbiamo analizzato tutte le posizioni di inversione, dove ho inserito anche Matsyasana che ci fà vedere comunque il mondo da un’altra prospettiva.

Questa prima parte lavora principalmente sugli Cakra superiori (da Anahata a Ajna), contribuendo in modo significativo a stabilire e mantenere un’equilibrio endocrino, mentale, del metabolismo di base e psicologico/spirituale.

Le prossime posizioni lavorano a livello degli Cakra inferiori (da Anahata in giù) rafforzando l’apparato digerente, l’apparato uro-genitale e riproduttivo, elasticizzano e rafforzano la colonna vertebrale, aprono il torace migliorando la respirazione e tant’altro.

Ugra_2_convertedUGRA-ASANA o conosciuto anche come PASHIMOTTANA-ASANA, talvolta come BRAHMACARYA ASANA

Ugra – potente, possente, terribile, descrive Shiva quando si ritira nella foresta per le rigide pratiche ascetiche in celibato (brahmacarya). Di solito viene chiamato Pashimottanasana la posizione dello stiramento posteriore.

Seduti con le gambe distese in avanti, tirare indietro i glutei per sentire bene l’appoggio dei ischi per terra. Inspirando allungatevi in alto verso il cielo, nel espirazione piegandovi in avanti afferrate gli alluci e gradualmente distendete tutto il busto sulle gambe. Per primo scende il basso addome in contatto con le cosce, poi si appoggia il petto infine la testa sulle o oltre le ginocchia, i gomiti vanno a toccare il suolo accanto le gambe. Inizialmente si può eseguire la fase parziale, portando le braccia conserte sotto le ginocchia flesse mantenendo il basso addome in contatto con le cosce. È essenziale che non forzate la posizione tirando e volendo a tutti i costi arrivare giù. I piegamenti intensi in avanti possono causare danni alla colonna, se il corpo non e preparato in modo adeguato o non ha abbastanza elasticità e/o flessibilità delle anche, illeo psoas, muscoli posteriori delle gambe ecc.

Il Hatha Yoga Pradipika sostiene che questa posizione può curare ogni male!

Secondo Gabriella Cella Al Camali massaggia l’apparato uro-genitale mantenendolo sano; tonifica gli organi addominali, i reni, il sistema nervoso e la colonna vertebrale. Facilita la diuresi; toglie il mal di testa. Aumenta la potenza sessuale e la fecondità: le donne devono mantenerlo a lungo, gli uomini non più di cinque minuti se non vogliono fare il voto del Brahmacaryat.

In caso di ernie discali è controindicato, durante il ciclo aumenta il flusso notevolmente e in menopausa aumenta eccessivamente il calore.

Il Cakra attivato è Manipura del fuoco e del centro. Ci aiuta a rafforzare la nostra volontà e determinazione. La sua polarità è maschile.

Bhujanga_3_convertedBHUJANGA-ASANA, il cobra simbolo del patrono degli yoghin, il dio Shiva.

Distendetevi al suolo pancia in giù, le mani appoggiati accanto al petto. La fronte tocca il suolo. Inspirando sollevate prima il capo, il collo si inarca e poi facendo leva sulle braccia e le mani spingete il busto in alto, allungate piuttosto la parte superiore del busto in alto per togliere tensioni alla zona lombare. Il pube sfiora il suolo e i gomiti un pò flessi spingono verso il busto. Il viso guarda in alto o (specialmente con problemi alla cervicale) in avanti.

Nella forma parziale dell’asana si appoggiano l’avambraccia al suolo con le braccia perpendicolare al suolo che sostengono il busto. I gomiti risultano posizionate esattamente sotto le spalle.

Rende e mantiene la colonna vertebrale flessibile, migliorando la circolazione nella schiena e tonificando i nervi spinali. Tonifica i gli organi riproduttivi, stimola la digestione e allevia la costipazione. Tonifica anche il fegato, massaggia i reni e le ghiandole surrenali favorendo la produzione di cortisone. Regolarizza i cicli mestruali.

Questa posizione è controindicato in caso di ernie ombelicali, spostamenti o rotazioni discali nel tratto lombo-sacrale e in gravidanza .

Il Cakra Svadhisthana dell’acqua (del pube) viene attivato. Ci aiuta a superare i nostri schemi, ci facilita lasciarci andare negli stati emozionali e a vivere in modo più profondo la nostra sessualità. La sua polarità è neutra.

Shalabha_2_convertedSHALABHA-ASANA, la cavalletta, la locusta che chiama l’acqua quando la terra è arida

Distendetevi in posizione prona, le braccia accanto al busto con i palmi delle mani rivolti al suolo. Piegate il ginocchio destro mantenendolo a terra, nel inspirazione sale la gamba sinistra e si appoggia sulla pianta del piede destro. Espirando stabilizzate la posizione riavvicinando il fianco destro a terra e correggete la gamba sinistra portandola su una linea con la spalla.

La posizione completa porta in alto ambedue le gambe con le mani strette a pugni posti nell’incavo dell’inguine, facendole salire il più possibile.

Shalabhasana stimola tutto il sistema nervoso autonomo, specialmente il parasimpatico. Rafforza la parte inferiore della schiena e gli organi pelvici. Tonifica il nervo sciatico dando sollievo in patologie come mal di schiena, sciatica leggera ed ernia del disco sempre se la malattia non sia grave. Tonifica ed equilibra il funzionamento del fegato e di tutti gli altri organi addominali ed allieva i disturbi dello stomaco e dell’intestino. Regolarizza i cicli mestruali e in menopausa il dosaggio ormonale.

Il Cakra Svadhisthana dell’acqua viene attivato. Ci aiuta essere meno rigorose e pignole. La sua polarità è femminile.

 

Dhanur_1_convertedDHANUR-ASANA, dhanur è l’arco arma degli dei e degli ksatriya (guerrieri)

In posizione prona con le gambe e piedi uniti, le braccia e mani sono lungo i fianchi. Piegate le ginocchia avvicinando i piedi ai glutei ed afferrate le caviglie con le mani. Durante una profonda inspirazione tendete i muscoli delle gambe allontanando i piedi dal corpo, sollevate le cosce, il petto e la testa dal pavimento inarcando il dorso e volgete lo sguardo in alto, anche qui vale di allungare piuttosto la parte superiore del busto in alto per togliere tensioni dalla zona lombare e fare la posizione in modo sicuro senza causare danni alla colonna. Le braccia risultano ben diritte, tese. Il corpo è appoggiato solo sul addome.

Decongestiona il plesso solare e tutto l’apparato digerente portando enormi benefici e aumenta l’efficienza dell’intero canale digestivo. Tonifica il pancreas e le ghiandole surrenali. Massaggia i reni e riduce il grasso in eccesso nella regione addominale. Aiuta ad eliminare disturbi gastrointestinali, dispepsia, costipazione cronica e insufficienza epatica. Inoltre aiuta in casi di diabete, incontinenza, colite, disturbi mestruali. Rafforza la colonna vertebrale e ne toglie le rigidità e migliora la circolazione sanguigna in generale.                                                              È controindicata in gravidanza; con ernie ombelicali, inguinali e discali; discopatie, artrosi cervicale, fegato e milza ingrossati ed organi addominali molto deboli.

Viene attivato il Cakra Svadhisthana dell’acqua. Ci aiuta ad eliminare tossine ed impurità dal corpo e dalla mente. La sua polarità è maschile.

 

Matsyendra_4_convertedMATSYENDRA-ASANA, la posizione del saggio Matsyendra è una delle mie posizioni preferite! Ne esistono numerose varianti, da molto semplice a avanzata.

Questa è una variante di media difficoltà.

Seduti piegate la gamba destra e portate il piede accanto al gluteo sinistro, la gamba sinistra si accavalla sopra alla destra, portando il piede a terra vicino al ginocchio. Un profonda inspirazione porta il busta ad allungarsi e ruotare verso sinistra. La mano sinistra si appoggia a terra dietro alla schiena circa ad una lunghezza di mano di distanza, il braccio ben diritto teso sostiene il busto. Il braccio destro spinge il ginocchio sinistro dall’esterno verso destra e la mano cerca ad afferrare la caviglia. Le spalle sono sulla linea della coscia destra.

Matsyendra_1_convertedUna variante più semplice lascia la gamba destra diritta e distesa, il braccio destro abbraccia il ginocchio sinistro premendolo sul addome.

Aumenta il volume toracico migliorando la respirazione; massaggia gli organi dell’addome e migliora la digestione. Tonifica tutti i muscoli della schiena e nutre i nervi spinali; elasticizza e dona flessibilità alla colonna vertebrale togliendone le rigidità; tonifica le giunture e calma l’eccesso di emotività.

Controindicata in caso di gravi problemi alla schiena come discopatie e varie ernie, in gravidanza va eseguita solo in apertura.

Il Cakra attivato è Manipura e i piccoli Vira-Cakra  Surya a destra e Candra a sinistra che governano rispettivamente il fegato e la milza. Ci aiuta appunto a superare un’eccessiva emotività e ad essere meno volubili. La sua polarità è maschile.

Dopo l’esecuzione di tutta la serie prendetevi il tempo per un profondo rilassamento, distendetevi a terra in Shavasana, rilassate gradualmente tutto il corpo dalla testa ai piedi sciogliendo con ogni espirazione tutte le tensioni che si possono essere accumulate nel vostro corpo durante la pratica.

Per ulteriori approfondimenti sullo yoga-ratna consiglio il libro di Gabriella Cella Al Chamali: Yoga-Ratna, il gioiello dello yoga

Vi è piaciuto l’articolo? condividetelo e/o lasciate un commento

Con gratitudine

Sabine

 

Comments

comments

Share This!
Share On Twitter
Share On Pinterest
Share On Reddit
Contact us

Latest Tweets

Registrati alla nostra newsletter

Registrati alla nostra newsletter e ricevi CONSIGLI GRATUITI: Lo "Yoga è magia Newsletter" mette in evidenza le pose migliori, le sequenze da fare e consigli di ogni genere. Sarai informato dei programmi speciali, ritiri ed eventi. Una volta iscritto alla newsletter riceverai il mio video corso 'Yoga Ratna' completamente gratuito (dal valore di € 27). Riceverai anche per email, la tesi che ho scritto per il diploma durante i miei studi alla scuola S.I.Y.R. (Scuola per Insegnanti di Yoga Ratna ). Per la mia tesi ho voluto elaborare le sequenze di Yoga che potessero riattivare la femminilità che è dentro di noi. Leggendo la mia tesi potrai imparare quattro sequenze di Yoga - Ho creato una sequenza per ogni elemento: terra, acqua, fuoco e aria. Ho chiamato la mia tesi "La Danza Femminile", poiché percepisco la vita come una danza, a volte frenetica, a volte lenta, serena e così via. Spero che ti piaccia il magico mondo di Yoga Ratna!

* campi obbligatori

Testimonianze

Orlanda,-Poppi
Questo yoga che Sabine insegna è una droga, quando si comincia a praticare non ci si può fermare più!
Orlanda
Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Pinterest
Share On Reddit
Contact us
Hide Buttons