Parjanya è il vedico signore della pioggia, che si muove nel cielo sopra un carro carico di otri d’acqua, che sparge, di tanto in tanto, sulla terra. Nel Rig-Veda lo si trova strettamente associato ai tuoni e ai lampi, che solitamente ne annunciano la presenza; è la divinità della pioggia fruttifera: è “il dio che fa crescere le piante e le acque, colui che governa il mondo intero” (Rig-veda VII.101.2); “è colui che forma il germe della vita nelle vacche, nelle cavalle, nelle piante e nelle donne” (Rig-Veda VII.102.2). Viene talora raffigurato come un toro, e pertanto paragonato a Indra, il signore dei cieli, a cui si sostituì come divinità pluviale. A lui gli indiani offrono particolari oblazioni durante la costruzione di una casa. Gabriella Cella, Yoga-Ratna il gioiello dello Yoga

Parjanya, secondo il dizionario sanscrito-inglese del 1965 di Shri Vaman Shivram Apte dà i seguenti significati: ⁕Nuvola di pioggia, nuvola di tuono, nuvola in generale ⁕Pioggia ⁕Il dio della pioggia ie Indra. Due inni del Rigveda, 5.83 e 7.101, sono dedicati a Parjanya. In sanscrito vedico Parjanya significa “pioggia” o “nuvola di pioggia”. Le preghiere dedicate a Parjanya, per invocare le benedizioni delle piogge sono menzionate nell’Atharvaveda. Parjanya era anche uno dei Saptarishi nel quinto Manvantara. È uno dei 12 Aditya e secondo il Vishnu Purana, il guardiano del mese di Kartik, un Gandharva e un Rishi nell’Harivamsa. Il nome potrebbe essere affine al lituano Perkūnas “dio del tuono”, finlandese Perkele “dio del tuono”, gotico fairguni “montagna”, lingua mordvin Pur’ginepaz, vedi Perkwunos.

Quindi viene confermato da varie fonti che Parjanya è considerato il Dio della pioggia, alcuni fonti lo paragonano o confondono con Indra, il re dei cieli. L’acqua è di fondamentale importanza per la vita sulla terra, la crescita delle piante ecc. Ma anche per l’uomo, che come sappiamo è costituito maggiormente d’acqua da 50 a 70%, la percentuale cambia secondo il peso, il sesso e l’età. Possiamo così intuire che lavorare sull’elemento acqua nel corpo è fondamentale. Con questa posizione possiamo intervenire a bilanciare/equilibrare questo prezioso elemento, il contenuto e movimento in modo dolce, ma significativo.

COME SI ESEGUE:

Ci mettiamo in ginocchia, si porta il piede destro in avanti, la gamba piegato sul ginocchio, stando ben attenti che il ginocchio risulti allineato al tallone, quindi la gamba perpendicolare al suolo. Le mani si posano sulle cosce con le dita intrecciate, le palmi in giù. Una profonda inspirazione solleva le braccia in alto, con le mani che ruotano sui polsi e i palmi verso il cielo. Le braccia risultano sulla linea delle orecchie, ben tese in alto. La prossima espirazione ruota il busto verso sinistra, fino a portarsi di profilo, i muscoli dell’addome attivati per proteggere, sostenere la schiena nella rotazione. State attenti che il ginocchio non crolla all’interno, deve rimanere ben allineato sopra il tallone. Mantenete la postura con respiri calmi e regolari da cinque a quindici o più respiri. La posizione va ripetuta, con le stesse modalità e stessi tempi, sull’altro lato.

BENEFICI:

  • Elasticizza l’articolazione delle anche
  • rafforza ed elasticizza i muscoli del bacino
  • elasticizza e rafforza le spalle e le braccia
  • apre il torace migliorando la respirazione
  • rafforza le gambe
  • tonifica lo psoas
  • massaggia i reni e surreni

LE MYOFASCE MUSCOLARI:

  • Tonifica il Core Sutra con questa bella torsione
  • Rafforza i Purva Sutras aumentando cosi la stabilità della posizione
  • Purva e Pascima Sutra sono in perfetto equilibrio
  • rafforza i Sutra delle braccia e delle spalle

YOGA E AYURVEDA:

Il suo elemento dominante è L’ACQUA

Quindi per persone con VATA Dosha dominante è una buona posizione, che possono mantenere senza problemi a lungo. Rafforza tutti i muscoli intorno alle giunture, che VATA tende averli deboli.

Anche persone con PITTA Dosha dominante possono trovare grossi benefici da questa posizione e mantenerla a lungo. Anche perché è di facile esecuzione, che non stimola la loro tendenza alla competizione.

I tipi con KAPHA Dosha predominante fanno bene di non allungare il mantenimento. Possono equilibrare l’effetto sull’acqua piegandosi sulla coscia dopo che escono dalla torsione.

LA SUA POLARITÀ È MASCHILE

GIOVA ALLE PERSONE INTROVERSE E INCAPACI DI PIANGERE

Se vi è piaciuto l’articolo donateci un mi piace, condividetelo con gli amici, anche i commenti sono sempre graditi

Con gioia e gratitudine

Sabine / Satyabhama